I-bricchetti-lab-acquarello-ok

Laboratorio di acquerello per bambini

da 5 a 8 anni e da 9 a 12 anni

L’incontro col colore che il nostro laboratorio prevede mira ad equilibrare gli sforzi intellettivi che l’istruzione in genere richiede. 

Affrontare il foglio bianco a partire da se stessi, per entrare in un dialogo con i colori che lasci presagire il loro carattere, viene prima dell’insegnamento di una tecnica: questa si acquisisce a poco a poco attraverso la ripetizione di gesti curati e l’amore per il proprio operato.

Durante il corso dell’anno la ritmica ripetizione delle stesse sequenze permette al bambino d’inserirsi in un contesto nel quale non ci sono regole dichiarate a priori, ma scaturenti dal percorso di lavoro. Egli può così far propri tali limiti rendendosi responsabile in prima persona della relazione con gli altri, dell’ambiente e del materiale utilizzato.

Centrale è il rapporto di reciproca fiducia che si viene a creare tra i bambini e l’insegnante: esso si rivela nella cura dello spazio, degli atteggiamenti e dei lavori di tutti, creando in tal modo un’atmosfera in cui semplicemente si accoglie il processo senza stimolare un giudizio.

Prima di dipingere la maestra racconta una fiaba tratta dalle tradizioni popolari.

Essa ci riporta all’archetipo della biografia umana che riecheggia, seppur inconsapevolmente, in ogni storia scelta, nutrendo così la nostra capacità di creare immagini interiori, tanto minacciata in questa epoca di culto dell’esteriorità.

Il momento della fiaba unisce il gruppo nell’ascolto, evocando in ognuno figure differenti; il dipingere parte dalla percezione dei colori e non necessariamente arriva a rappresentare il mondo esterno; il colore vissuto nella sua essenza, a prescindere dalla forma, vivifica le percezioni del bambino, accresce l’interesse verso il mondo e ne favorisce il senso di appartenenza.

L’ incontro di pittura è preceduto dalla preparazione e si conclude con il riordino e il lavaggio del materiale, così che i bambini possano sperimentare il processo nella sua completezza esercitando attraverso la collaborazione le relazioni sociali.

Laboratorio di acquarello per adulti

Il lavoro è organizzato in modo da poter accogliere, anche a corso avviato, sempre nuove persone, poiché si dà loro la possibilità di recuperare gli esercizi fondamentali necessari per sperimentare il mondo del colore secondo l’approccio antroposofico, inoltre non è richiesta alcuna competenza in merito.

Per tutti gli interessati, neofiti e allievi, il colore viene avvicinato per la sua valenza duplice e complementare: come anima del mondo e come sfumature di sentimento manifestanti l’interiorità umana. Tale visione, portata incontro ai discenti, è volta a nutrire attraverso la conoscenza la sfera del sentimento che troverà, col tempo, espressione attraverso l’agire ispirato delle mani. 

Il colore, come strumento per indagare il sé attraverso gli elementi della natura e per riconoscere nella natura i riflessi dell’interiorità, viene tastato per porci in una sorta di dialogo con lui. Si ricerca all’interno di una sottile comunicazione in cui per lo più si ascolta, di percepire l’intenzione di ogni singolo colore e ci si esercita affinché il nostro dipinto sia la manifestazione del gesto archetipico che ogni colore suggerisce indipendentemente da qualsiasi tecnica o idea del pittore.

Il cuore di questo lavoro consiste appunto nello stimolare una creazione; riprodurre una realtà già esistente o pensata a priori ci porta fuori dal processo creativo. Il dipingere, come qualsiasi atto artistico, è un momento in cui è richiesto di giungere col proprio io fino alla preparazione di uno spazio, di un vuoto accogliente, frutto della dedizione e devozione al proprio lavoro, e poi di “ritirarsi”, di rimanere in attesa del momento in cui tra la volontà del colore come padre che semina e quella del pittore come madre che accoglie si avvia l’alchimia: ora la manifestazione del nuovo può prendere corpo. In questa danza fluttuante tra la volontà di fare e quella di ricevere l’io impara ad autocontenersi, a favore di qualcosa che può trascendere se stesso: qui vive l’impulso artistico per eccellenza. La sua sperimentazione dà gioia e ripetuta nel tempo può divenire motivo di nostalgia nel vivere quotidiano che ne sia privo, ma proprio da questa nostalgia sgorgano forze atte a ricercarla in tutti i contesti e la salute fisica, la nostra concezione del mondo, le relazioni sociali, come testimoni del segreto dell’Arte, possono trarne giovamento.

Date del laboratorio di acquarello per bambini ed adulti

 

Scopri le date di questo laboratorio e molte altre ancora

 

To Top